Terra di tutti film festival immagine 2019
Works from the 36 OCSE countries can be registered via the FilmFreeWay portal:

Iscrizioni opere 36 paesi OCSE

terra di tutti film festival

"voci dal mondo invisibile"

13ª edizione | 10-13 ottobre 2019
Bologna - Firenze

IRRAWADDY MON AMOUR

NICOLA GRIGNANI, VALERIA TESTAGROSSA, ANDREA ZAMBELLI

ITALIA/BIRMANIA | 2015 | 56'

In un piccolo villaggio sul fiume Irrrawaddy, nel cuore della Birmania rurale, un gruppo di persone si unisce per organizzare un evento inusuale e proibito dal governo militare: un rito di matrimonio tra due giovani omosessuali. Soe Ko vive di vendita ambulante, Saing Ko fa il muratore in una grande città. Un attivista politico e sciamano del villaggio, un maestro e un truccatore aiutano la coppia a celebrare il loro amore, con il supporto dei monaci buddisti e delle donne del villaggio. Irrawaddy mon amour è il racconto di una delle prime unioni gay in Birmania e della coraggiosa scelta dei suoi protagonisti di affermare il diritto di amare contro tutte le paure in un Paese dove la violazione dei diritti umani è frequente e dove, ad oggi, la libertà è stata una chimera.

Nicola Grignani, è tra i fondatori del collettivo Teleimmagini con cui realizza reportage e documentari sul tema della migrazione in italia. Nel 2007 insieme al regista Filippo Ticozzi partecipa alla serie di documentari in Cile "Il paese sottile". Nel 2008 filma “Historias de Guatemala” e nel 2010 è autore insieme a Claudio Metallo e Miko Meloni di "Un pagamu, la tassa della paura". 

Valeria Testagrossa ha lavorato come fototgrafa per Médécins Sans Frontières nel Sud Est Asiatico e per altre ONG in giro per il mondo. Dopo un Master in giornalismo multimediale e produzione di documentari alla University of Westminster di Londra, nel 2011 diventa una collaboratrice, filmaker e fixer per il giornale Inglese TheGuardian. Ha anche scritto per Il Manifesto e per Nena News

Andrea Zambelli fa parte della generazione di filmmaker che ha costruito la sua poetica sulla specificità della ripresa digitale: la sua camera arriva dove una troupe tradizionale farebbe fatica a lavorare. Il suo film più importante, “Di madre in figlia” (2008), è stato l'unico documentario italiano selezionato al Toronto International Film Festival 2008.

I tre registi hanno lavorato assieme alla realizzazione di STRIPLIFE (Palestina2013) che ha vinto vari premi e partecipato a molti festival internazionali, compreso il Terra di Tutti Film Festival.