Terra di tutti film festival immagine 2019
Works from the 36 OCSE countries can be registered via the FilmFreeWay portal:

Iscrizioni opere 36 paesi OCSE

terra di tutti film festival

"voci dal mondo invisibile"

13ª edizione | 10-13 ottobre 2019
Bologna - Firenze

Martedì 27 Febbraio 2018

Destinazione Sud Festival V

Il sud torna a Radicondoli. O forse c’è sempre stato, sopito, come un legame ancestrale che ci unisce tutti. Il sud ce lo abbiamo dentro. È quel luogo dove impariamo a combattere l’ingiustizia, quella voce che sussurra o grida di andare avanti, inseguendo un sogno di libertà. Nei quattro giorni di Festival, Radicondoli si colora di volti e si arricchisce di storie inaspettate. L’obiettivo non è comprendere ma conoscere, accogliere scelte e vite che si narrano da sole, portate qui da videomakers o artisti come maestri nascosti di cerimonia.

Iniziamo giovedì con una prospettiva sul popolo sikh. Inaugura il Festival il racconto fotografico ‘Vaisakhi, la primavera negli occhi’ di Cristina Corsi e Antonio Lorenzini, per proseguire poi con la denuncia fieramente indipendente di ‘The Harvest’, il docu-musical sui braccianti sikh dell’Agro Pontino.

Il venerdì è una carrellata stretta, tutta d’un fiato, che passa dai grandi occhi di ‘Loza’, bambina di 5 anni che attraversa il Mediterraneo da sola, alle adolescenti di Tunisi e Sfax che fanno street art in ‘Blooms in the concrete’, al documentario spagnolo ‘Astral’, storia di uno yacht usato per soccorrere i migranti. La mostra di pittura ‘We live in dreams’ dell’artista australiano Geoffrey Green, che inaugura in serata, offre un trait d’union a tutta la narrazione: l’essere umano è naturalmente portato a perseguire il proprio sogno, una sfida che a volte costa la vita. Conclude questa seconda giornata il concerto dell’artista tunisino Marzouk Mejri, musicista esperto di strumenti come il bendir, la tabla tunisina e la darbouka, nonché compositore che celebra la storia migrante del Mediterraneo: nei suoi testi si fondono poesia araba classica e poesia moderna anti-colonialista, con composizioni originali ispirate alla musica delle fraternità sufi.

Sabato presentiamo ‘Herat Football Club’ di Stefano Liberti e Mario Poeta, che dà voce alle giocatrici della squadra di calcio afgana, e ‘Syrie, la révolution confisquée’, vincitore del premio Lo Porto all’ultima Edizione di Terra di Tutti Film Festival "per aver saputo raccontare la nascita, la speranza, l'evoluzione e la disillusione della Rivoluzione siriana attraverso alcuni dei suoi protagonisti, seguiti durante 5 anni”.  Dopo l’inaugurazione di ‘Passaggio a Cuba’, fotografie di Moreno Montomoli, ci addentriamo tra le comunità dei richiedenti asilo ospitati nelle strutture italiane, con due produzioni imperdibili: ‘Hotel Splendid’, presentato dal regista Mario Bucci, sul dramma del viaggio intrapreso dai migranti per raggiungere l’Europa e l'itinerario che questi devono seguire per vedersi concedere l’asilo, e ‘Verde Oasi’, un progetto originale di Destinazione Sud Festival affidato agli sguardi sensibili di tre giovani videomakers che, nel tentativo di raccontare i rifugiati di Radicondoli, intercettano una storia unica con un lieto fine davvero inatteso.

Domenica, ultima tappa, apriamo con una retrospettiva sul ’68, per il cinquantesimo anniversario dei movimenti giovanili in Italia. Nel documentario ‘La teoria della lumaca’ di Elena Fiorenzani, regista radicondolese che ora vive e lavora a Roma, lo scrittore Erri De Luca racconta la propria esperienza ed offre spunti di riflessione sulle lotte in piazza e su ogni contestazione, dal ’68 ad oggi. Segue un altro dei documentari vincitori al Terra di Tutti Film Festival: ‘Kachach, above Zaatrai’, un cortometraggio coinvolgente sugli allevatori di piccioni di un campo profughi in Giordania, e ancora dal Terra di Tutti l’ultimo documentario di Ivan Grozny Compasso sul Messico oggi: ‘Entre la espanda y la pared’.

Ospite d’onore di questa domenica è infine Giorgio Gomel di European Jewish Call for Reason, che presenta ‘Disturbing the peace’, produzione militante sui principi e le attività di una ONG israelo-palestinese che riunisce ex militari israeliani ed ex guerriglieri palestinesi: un film a volte doloroso sul potere trasformativo della non violenza.

 

Buon viaggio a tutti.

Viviana Insacco e Alessandro Cagni https://www.facebook.com/destsud/ 

PROGRAMMA

GIOVEDI’ 15 MARZO

19.00, Sala Mostre Sergio Pacini

Vaisakhi, la primavera negli occhi

mostra fotografica di Antonio Lorenzini e Cristina Corsi

inaugurazione con rinfresco e presentazione del Festival

Vaisakhi è un grande momento di festa che oltre a segnare l’inizio della primavera è anche simbolo dell’identità religiosa dei Sikh. Il popolo sikh porta negli occhi l’orgoglio e l’anima della propria identità spirituale.

 

21.00, Teatro dei Risorti

 

The Harvest

documentario di Andrea Paco Mariani | Italia | 2017 | 73’

Migliaia di lavoratori stranieri sostengono oggi la più famosa eccellenza italiana: la produzione agroalimentare. Lo sfruttamento dei braccianti sikh dell’Agro Pontino raccontato da un docu-musical di Smk Videofactory.

 

VENERDI’ 16 MARZO

 

18.00, Teatro dei Risorti

presenta Jonathan Ferramola, direttore del Terra di Tutti Film Festival

 

Loza

documentario di Jean-Sébastien Desbordes, Matthieu Martin e Nicolas Berthelot | Francia | 2016 | 32’

Una storia di migranti che ha per protagonista Loza, bambina sudanese di 5 anni che ha attraversato da sola il Mediterraneo e ha viaggiato fino in Francia, nel tentativo di ricongiungersi alla madre.

 

Blooms in the concrete

documentario di Karine Morales e Caroline Péricard | Francia | 2017 | 54’

Tre giovani donne tunisine, adolescenti della Rivoluzione del Gelsomino, conducono una battaglia pacifica attraverso la pratica dell’Arte di Strada.

 

19.45, Bar trattoria Il Nazionale

 

We live in dreams

mostra di pittura di Geoffrey Green

inaugurazione con apericena - drink e buffet km0 10,00 euro

8,00 euro per gli spettatori di Destinazione Sud

 

21.00, Teatro dei Risorti

presenta Jonathan Ferramola, direttore del Terra di Tutti Film Festival

 

Astral

documentario di Jordi Évole e Ramón Lara | Spagna, Italia | 2016 | 102’

Storia di un veliero di lusso riconvertito in una barca per salvare migranti in mare.

 

23.00, Hostaria La Pergola

 

Tunisian Brass Beats feat. Marzouk Mejri

concerto live di Marzouk Mejri, cantante, percussionista, compositore, nato a Tebourba in Tunisia. Lo accompagnano Mr. Ferris ai fiati e Marco Dalmasso all’elettronica.

Tunisian Brass Beats celebra la storia migrante del Mediterraneo, i flussi che sempre hanno connesso il medioriente al Magreb e al sud dell’Europa. I testi vengono dalla poesia classica araba, da quella moderna anti-colonialista e dalla penna del musicista magrebino.

 

 

SABATO 17 MARZO

 

18.00, Teatro dei Risorti

presenta Jonathan Ferramola, direttore del Terra di Tutti Film Festival

 

Herat Football Club

documentario di Stefano Liberti e Mario Poeta | Italia, Afghanistan | 2017 | 25’

Documentario su una squadra di calcio femminile in Afghanistan.“Siamo completamente coperte. Il velo ci dà un po’ fastidio, ma solo così ci permettono di giocare. Abbiamo fatto un compromesso”.

 

Syrie, la révolution confisquée

documentario di Paul Moreira | Francia | 2017 | 52’

Come è stato possibile che la rivoluzione siriana moderata e democratica sia stata sostituita dalla guerra jihadista? Paul Moreira incontra un gruppo di combattenti dell’Esercito Libero Siriano per rispondere a questa domanda.

 

19.45, Agriteca in Piazza

 

Uno sguardo su Cuba

mostra fotografica di Moreno Montomoli

inaugurazione con apericena - drink e buffet km0 10,00 euro

8,00 euro per gli spettatori di Destinazione Sud

 

21.00, Teatro dei Risorti

presentano Mauro Bucci, regista di Hotel Splendid,

Livia Nanni, Sebastian Lecca e Samuel Lecca, registi di Verde Oasi

 

Verde Oasi

un progetto di Destinazione Sud Festival a cura di Livia Nanni, Sebastian Lecca e Samuel Lecca | Italia | 2018 | 14’

 

Hotel Splendid

documentario di Mauro Bucci | Italia | 2016 | 90’

Un racconto intimo e corale sulla vita di una comunità di migranti provenienti dalle coste africane, ospitata presso una struttura per richiedenti asilo a Cesenatico.

 

 

DOMENICA 18 MARZO

 

16.30, Teatro dei Risorti

presenta Elena Fiorenzani, regista di La teoria della lumaca

 

La teoria della lumaca. Conversazioni con Erri De Luca

documentario di Elena Fiorenzani | Italia | 2010 | 35’

Il documentario analizza i movimenti giovanili in Italia dal ’68, passando dalla contestazione degli anni ’70 e le lotte di piazza, sino a raccontare i movimenti e le contestazioni dei nostri giorni, attraverso l’esperienza diretta di Erri De Luca.

 

Kachach, above Zaatrai

documentario di Bruno Pieretti | Francia | 2016 | 15’

Tra i rifugiati siriani del campo profughi di Zaatari, in Giordania, c’è una comunità: i Kachach, gli avicoltori tradizionali. I loro allevamenti di uccelli incarnano il sogno di libertà del campo.

 

17.30, Teatro dei Risorti

presenta Giorgio Gomel coordinatore di JCall (European Jewish Call for Reason)

 

Disturbing the peace

documentario di Stephen Apkon e Andrew Young I U.s.a. | 2016 | 83’

Film che racconta come ex nemici, soldati israeliani e combattenti palestinesi, possano arrivare a lottare insieme, in modo non-violento, per cercare di raggiungere il comune obiettivo della pace

 

19.45, Hostaria La Pergola

 

apericena - drink e buffet km0 10,00 euro

8,00 euro per gli spettatori di Destinazione Sud

 

21.00, Teatro dei Risorti

 

Entre la espada y la pared

documentario di Ivan Grozny Compasso | Italia | 2017 | 64’

Da Ayotzinapa a Tijuana, un viaggio ai confini dell’umanità.  Il Messico è un Paese dove chi si occupa di informazione è costantemente in pericolo. Alex, ventenne sopravvissuto ai fatti di Ayotzinapa, ci racconta cosa successe la notte in cui sparirono 43 studenti.